Big toe arthritis

Big toe arthritis è più comune nelle persone che hanno condotto una vita molto attiva e hanno giocato un sacco di sport, ed è più comune se hai mai avuto un trauma al dito del piede.

Man mano che l’articolazione si logora, la cartilagine articolare che riveste l’articolazione si deteriora e il corpo risponde producendo escrescenze ossee (chiamate osteofiti), che limitano il movimento dell’articolazione.

Quando ci incontreremo, ti farò molte domande su come il tuo dito del piede sta influenzando la tua vita, esaminerò il tuo piede e farò anche delle radiografie.

Quali sono le opzioni di trattamento per l’artrite alluce?

Nelle fasi iniziali, i pazienti possono spesso essere aiutati con un’iniezione di acido steroide o ialuronico per risolvere l’articolazione e la fisioterapia e la podologia per migliorare la funzione della punta.

Con il tempo e la progressione della malattia, questo diventa non più sufficiente, e quindi potrebbe essere necessario considerare un intervento attivo.

Ci sono tre tipi di procedure che possiamo prendere in considerazione:

Cheilectomia minimamente invasiva

Si tratta di un intervento chirurgico per rimuovere essenzialmente le protuberanze ossee (osteofiti) nella parte superiore dell’articolazione che bloccano il movimento dell’alluce, ed è un caso di chirurgia diurna che viene eseguita in anestesia generale locale o leggera. È stato eseguito attraverso una singola piccola incisione intorno all’articolazione della punta – lunga circa 3 mm – e sotto la guida dei raggi X, ho rimosso i dossi ossei usando strumenti specializzati.

Dopo questa operazione, tornerai ad essere attivo molto rapidamente. Puoi camminare sul piede immediatamente e indossare scarpe normali dopo 48 ore. Ci sarà una singola sutura che rimuoverò quando ci incontreremo di nuovo a 2 settimane dopo l’intervento. L’obiettivo è quello di ottenere un dito del piede che è meno doloroso. Non toglierà completamente il dolore, ma lo renderà molto meno invadente. Puoi tornare alla corsa e ad altri sport non appena è abbastanza comodo. Infatti, con questo tipo di chirurgia, più lo fai rapidamente, migliori sono i risultati. Il suo basso rischio e ha pochissimo tempo di inattività.

La maggior parte dei chirurghi esegue ancora questa operazione in modo aperto standard che, sebbene raggiunga lo stesso obiettivo, aumenta il tempo di recupero poiché una ferita molto più grande deve guarire e aumenta il rischio di un’infezione della ferita. Anche se è tecnicamente ancora possibile, non ho ancora avuto un paziente che ha sofferto di un’infezione della ferita da una cheilectomia minimamente invasiva.

Impianto Cartiva

Se l’alluce è particolarmente usurato e una cheilectomia non è in grado di aiutare, in precedenza l’unica opzione disponibile era una procedura per fondere le ossa delle dita (una fusione MTP 1st). Un’altra opzione è ora disponibile che si chiama impianto Cartiva. Non tutti gli specialisti offrono questa procedura.

Cartiva è un impianto in PVA, progettato per funzionare come la cartilagine articolare naturale. Agisce come un distanziatore di plastica tra le ossa della punta che compongono l’articolazione dell’alluce e l’impianto viene inserito in un foro praticato nella testa dell’osso metatarsale. Si tratta di una procedura di caso giorno, ed è effettuata sotto un anestetico generale locale o leggero. Ha un tempo di recupero relativamente veloce. Si può camminare sul piede subito, ma devono prendere le cose facili per le prime due settimane con un sacco di riposo e di elevazione, mentre la ferita guarisce.

L’impianto è progettato per ridurre il dolore e preservare la mobilità dell’articolazione. È possibile eseguire e fare sport una volta che il piede è completamente guarito, che è a circa 12 settimane.

A volte l’impianto può fallire, sia quando alla fine si consuma, sia se l’osso intorno all’impianto non riesce a sostenerlo e l’impianto si abbassa.

Possono essere necessari diversi mesi prima di beneficiare pienamente della procedura e, nella mia esperienza, la maggior parte dei pazienti fa molto bene con questa procedura a condizione di avere ossa abbastanza forti da supportare l’impianto. Per saperne di più sulla chirurgia implantare cartiva.

Big toe Fusion

A volte l’alluce diventa così usurato, che diventa necessario fondere il giunto. Quando c’è usura in un’articolazione e quelle superfici usurate si muovono, diventa molto doloroso. Se interrompiamo il movimento articolare, possiamo ridurre significativamente il dolore.

L’intervento è un intervento chirurgico diurno eseguito in anestesia locale o generale leggera. Faccio un’incisione sulla parte superiore della punta, sopra l’articolazione, e preparo le estremità dell’articolazione rimuovendo la cartilagine usurata rimanente, in modo che l’osso fresco sia esposto e la guarigione possa verificarsi una volta che l’articolazione è fusa. E ‘un po’ come riparare un osso rotto. Ho quindi posto una piastra metallica attraverso il giunto, che è tenuto in posizione con viti.

Dopo l’intervento il tuo piede sarà intorpidito per diverse ore (poiché avrò posizionato alcuni “blocchi” nervosi intorno alla caviglia), e il tuo piede avrà una medicazione su di esso, che devi tenere asciutto e lasciare in posa per due settimane – quando ci incontreremo di nuovo.

Lascerai l’ospedale con una scarpa ortopedica che mantiene il piede dritto; ti sarà permesso di camminare sul tuo piede, e quando sarai a casa, vorrei che riposassi con il piede sollevato il più possibile per 6 settimane.

È possibile tornare a un lavoro da scrivania dopo una settimana o due, ma se ci si aspetta di essere in piedi molto o se si dispone di un lavoro molto manuale, si consiglia di dare fino a sei settimane prima di tornare al lavoro.

Mentre è possibile tornare allo sport e alle attività di impatto come la corsa, è meglio aspettare che siano trascorsi almeno quattro mesi dal momento dell’intervento.

A 1st MTP fusion è attualmente ancora il modo più prevedibile per trattare l’artrite dolorosa dell’alluce, ma ha il tempo di recupero più lungo rispetto alle opzioni precedenti. Presenta anche rischi che devono essere valutati nel processo decisionale, come il rischio di non unione (l’osso non guarisce insieme) o infezione.

Se soffri di artrite dolorosa 1st MTP o alluce e non sei sicuro di quale opzione sia giusta per te, posso aiutarti a valutare i pro ei contro, vedere i rischi e i potenziali benefici di ogni procedura e guidarti a capire la tua condizione, le opzioni disponibili per te e ti permettono di prendere la decisione giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.