Domenica scorsa in Oklahoma, mentre il sole scavalcava l’orizzonte, Gloria Steinem era sposata con David Bale, imprenditore e padre dell’attore Christian Bale. Il matrimonio ha avuto luogo a casa di un ex capo nazione Cherokee-il risonante nome Wilma Mankiller – e il servizio è stato condotto da un giudice e da un Cherokee ‘persona spirituale’. La coppia non sono stati dichiarati marito e moglie, ma chiamati ‘partner’.

Steinem ha 66 anni, ed è bella ora come lo è sempre stata, con il suo viso liscio, il suo sorriso ampio e desideroso, i suoi capelli biondi striati, le sue famose gambe lunghe che negli anni Settanta hanno lanciato il femminismo nel mainstream. Non è mai stata sposata prima. Non ha avuto figli, anche se molti l’hanno chiamata la madre del femminismo. Per la maggior parte della sua vita pionieristica ha vissuto da sola. La scorsa settimana ha detto semplicemente che era “felice, sorpresa, e un giorno scriverò a riguardo, ma per ora spero che questo dimostri che il femminismo riguarda la capacità di scegliere ciò che è giusto in ogni momento della nostra vita”. Altre persone non sembrano così molto sorprese.

“Era sempre un po’disperatamente desiderosa di sposarsi, poverina”, è stato il commento crudele di Charlotte Hay, redattrice del Forum delle donne indipendenti conservatrici. Penso che non abbia preso nessuno fino ad ora.”E una rete a strascico anche se le interviste di Steinem hanno offerto l’inevitabile titbit di auto-contraddizione di cui i media si nutrono. Apparentemente, una volta ha detto che il matrimonio è stato ‘progettato per una persona e mezzo’.

Le femministe sono giudicate aspramente qualunque cosa facciano: per essere belle o semplici; per essere arrabbiate o insipide; per odiare gli uomini, o per gradirli troppo. Per più di 30 anni, Gloria Steinem ha vissuto in un campo minato di critiche sia da sinistra che da destra, da uomini e donne.

Gli uomini non sono allarmati da lei nel modo in cui sono, per esempio, da Andrea Dworkin; è troppo bella e ben educata per questo-la sua voce è troppo dolce, i suoi capelli troppo biondi, il suo sorriso troppo dolce, i suoi modi troppo cedevoli e piacevoli – ma percepiscono la sua vulnerabilità, il suo bisogno di essere amato, e aspettano e sperano che lei fallisca. Sono entrambi condiscendenti e lascivi. Il conduttore di chat-show David Susskind una volta ha detto: ‘Vorrei solo Gloria avrebbe trovato un buon ragazzo e rilassarsi… Quello di cui Gloria ha bisogno è un uomo… se vuoi baciarla o picchiarla, non posso decidere quale. La biografia di Carolyn Heilbrun su Steinem, Education of a Woman, ricorda le conferenze stampa che erano dominate da domande come: “Hai molti fidanzati? Una volta si diceva che andasse a letto con Henry Kissinger, solo perché appariva nella sua stessa fotografia.

Le donne le sono ostili perché le è sempre sembrata una modella, perché è sempre stata circondata da uomini ammirati (la parola ‘maniser’ è stata coniata per insultarla), perché è seria, politicamente corretta, coerente ed è stata in giro così a lungo. “Una volta avevamo bisogno di lei, ora siamo bloccati con lei”, ha detto la polemista professionista, Camille Paglia. Ostile, anche, perché crede in concetti vecchio stile come l’uguaglianza e la compassione e l’equilibrio. Perché non è arrabbiata o maleducata, e porge sempre l’altra guancia quando le persone – come Betty Friedan o Germaine Greer – sono arrabbiate o scortesi con lei. Perché lei è, ed è sempre stata, molto carina.

La gentilezza è una qualità infida per le donne. Gran parte del lavoro di Steinem – come co-fondatore e redattore di Ms magazine, scrittore di libri femministi influenti come Outrageous Acts and Everyday Rebellions (1983) e Revolution from Within (1992) – è stato quello di liberare le donne dall’essere “brave ragazze”, eppure Steinem è sempre stata una brava ragazza, tiranneggiata dalla sua stessa obbedienza. Una brava ragazza in un mondo cattivo.

È cresciuta in un miserabile parco roulotte a Toledo, Ohio, in un’infanzia che suona da incubo. Suo padre, che non ha mai smesso di adorarla, l’ha abbandonata quando era bambina, e per comodità si è mangiato l’obesità; Gloria ha imparato presto a morire di fame. Sua madre, che non ha mai smesso di proteggere, è impazzita lentamente, sconvolta dall’alcol e dai momenti difficili; Gloria ha sempre cercato di mantenere il controllo rigoroso della sua vita. Con il tempo che aveva raggiunto la sua adolescenza, stava agendo come madre per la sua madre disfacimento in un appartamento infestato da topi, ma ancora girando fino a scuola nei suoi abiti puliti e con la sua speranza, obbediente, sorriso preoccupato. Aveva fame di approvazione e di amore.

Fin dall’inizio, era una pacifista, un’attivista, ma non si definì femminista fino all’età di trent’anni, quando aveva già lottato come donna indipendente e aveva avuto un aborto furtivo. Se c’era un momento spartiacque per lei, era seduta in una stanza che ascoltava 12 oratori confessare i loro aborti segreti e rendersi conto che non aveva più bisogno di essere isolata con la sua paura e il suo senso di colpa.

È riuscita a rendere il femminismo chic, glamour, divertente e inclusivo. Ha fatto appello non solo alle classi medie, ma ai vulnerabili, ai calpestati e ai tristi-forse hanno risposto ai suoi dolori nascosti. C’è una sfumatura della Diana su di lei; qualche lampo della vittima compassionevole nei suoi occhi. Ma il suo giornalismo era spiritoso e incisivo. Guardò, ha detto Newsweek, come un ‘a grandezza naturale contro-cultura bambola Barbie’, così si vestì come un coniglietto di Playboy e ha scritto meravigliosamente circa l ” esperienza.

Aveva un talento per le battute memorabili (“Se la scarpa non va bene, dobbiamo cambiare il piede?’), e ha dato un discorso esilarante su quello che sarebbe successo ‘Se gli uomini potessero mestruare’ (si sarebbero vantati su di esso). Ha lanciato Ms, la rivista di campagna che ha reso il femminismo alla moda. Le piacevano le donne ed era circondata da amici amorevoli. Amava gli uomini – e la amavano a destra indietro. Sembrava un milione di dollari e viveva di valigie. Ha dato la maggior parte dei suoi soldi per buone cause. Il suo appartamento era arredato con scatole di cartone. Non è mai stata brava a dire “no”, e per decenni ha fatto il giro del paese facendo discorsi, raccogliendo fondi, essendo provocatoria, intelligente, instancabile, splendida – troppo bella per essere vera. Troppo bello per essere felice.

Alla fine degli anni Ottanta, mentre si avvicinava al suo sessantesimo anno, Gloria Steinem si fermò. Era confusa e ferita dalla sua relazione con il suo nemico naturale, il magnate della proprietà di destra Mort Zuckerman. Le è stato diagnosticato un cancro al seno. Sua madre è morta. Trovò che la sua vita – un incessante giro di cause per aiutare gli altri, una parabola di sacrificio di sé-era vuota di gioia. Lo vedeva come pieno di “grigiore” Che era sempre stata ostile alla terapia tradizionale (uno dei suoi saggi più pungenti e giocosi è intitolato ” E se Freud fosse Phyllis?’), ma ora ha consultato un terapeuta ‘donna saggia’ e ha imparato a guardare dentro di sé trascurata.

Il passato non sicuro è tornato indietro. Non stava più cercando di cambiare il mondo esterno, ma quello interno danneggiato e bisognoso. Ha imparato il concetto di’ autostima ‘e’il bambino dentro’. Ha iniziato a piangere l’infanzia che non aveva mai avuto e il sé arrabbiato, egoista, amorevole, egoista che non si era mai lasciata essere. Comprò mobili e tappeti e cominciò a stare a casa di più. Ha scritto un libro malizioso e talvolta nocciola chiamato Revolution from Within , e poi uno vigoroso e umoristico chiamato Moving Beyond Words, in cui ha celebrato essere 60, e le nuove libertà che aveva trovato.

E poi, all’alba di settembre, si è sposata. Ora, lei si dichiara felice, e noi dovremmo augurarle la gioia. Le femministe degli anni Sessanta e Settanta hanno dovuto pagare un prezzo terribile per la loro dedizione-la maggior parte di loro ora sono dimenticate, insultate, povere e sole. Alcuni di loro sono in difficoltà disperate. Gloria Steinem è sopravvissuta; lei è ancora consultando redattore di una signora rilanciato. Lei è forte, successo, in attesa di un nuovo futuro. Ha passato la maggior parte della sua vita a prendersi cura di altre persone. Infine, forse, qualcuno si prenderà cura di lei.

Gloria Steinem

Non conosciuta come: Mrs David Bale

Data di nascita: 25 marzo, 1934 (Toledo, Ohio)

Educato: Smith College, Massachusetts

Lavoro: Scrittore, editore (co-fondatore di Ms magazine nel 1972)

Libri: Atti oltraggiosi e ribellioni quotidiane; Rivoluzione dall’interno

Hobby: Viaggi, danza, lettura, film

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.