La chiralità è onnipresente nella nostra vita quotidiana. I metodi spettroscopici che possono fornire informazioni dettagliate sulle molecole chirali e che consentono la loro analisi, come la differenziazione degli enantiomeri, la determinazione dell’eccesso enantiomerico e la configurazione assoluta, sono quindi di grande importanza e interesse. Con questo numero speciale del J. Mol. Spectrosc. (JMS) riuniamo ricercatori con background diversi sulla spettroscopia sensibile alla chiralità per illuminare/evidenziare i diversi aspetti e il suo potenziale per applicazioni future. Questo numero speciale comprende una raccolta di pubblicazioni che coprono una serie di argomenti sulla chiralità:(i) Spettroscopia ad alta risoluzione e proprietà delle molecole chirali e dei loro complessi.(ii) Spettroscopia chiropica di sistemi molecolari chirali e loro trattamenti teorici.(iii) Spettroscopia laser IR-UV conformer-specifica e spettroscopia laser-massa ibrida di strutture e dinamiche di molecole chirali e ioni più grandi.- Nuove tecniche spettroscopiche per misure di riconoscimento della chiralità.I guest editor del numero speciale sono il Prof. Yunjie Xu (Università di Alberta), il Prof. Melanie Schnell (Deutsches Elektronensynchrotron e Università di Kiel) e il Prof. György Tarczay (Università di Eötvös). Xu è una cattedra di ricerca Tier I Canada in chiralità e riconoscimento chiralità. La sua ricerca si concentra sullo sviluppo e l’applicazione di tecniche spettroscopiche per sondare i processi di riconoscimento della chiralità e i fenomeni di trasferimento della chiralità. Il gruppo di Schnell lavora su studi di spettroscopia rotazionale di molecole chirali, tra cui la miscelazione a tre onde a microonde e il riconoscimento della chiralità, e il ruolo delle molecole chirali nell’astrochimica. Il principale campo di ricerca di Tarczay è la caratterizzazione strutturale di biomolecole mediante spettroscopia IR e VCD a matrice di isolamento. La sua più recente area di ricerca è la spettroscopia e la dinamica delle molecole astrochimiche e dei ghiacci analogici astrofisici.Ringraziamo il Prof. Terry A. Miller, l’editore di JMS, per il suo forte sostegno a questo SI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.