La finale di halfpipe maschile è stata una specie di disastro oggi, poiché un percorso di Sochi terribilmente mantenuto ha portato a cadute (o almeno scivolate) per la maggior parte dei principali concorrenti. Ma, hey, nessuno si è fatto male!

Video recente

Questo browser non supporta l’elemento video.

Sopra il Co.Design, Gus Wezerek e Mark Wilson hanno un grande pezzo su come il design moderno dell’halfpipe da snowboard—ora generalmente conosciuto come “superpipe”—possa effettivamente rendere lo sport più sicuro, anche se offre ai concorrenti la possibilità di raggiungere velocità più elevate e prendere aria più grande.

G/O Media può ottenere una commissione

Pubblicità

La chiave è la pendenza dai pavimenti alle pareti. Come puoi vedere dal grafico sopra, la superpipe di Sochi è molto più grande, e molto più curva, rispetto alla versione introdotta a Nagano nel 1998, che era essenzialmente un halfpipe da skateboard fatto di neve. Il fondo piatto del tubo non era un problema su uno skateboard, ma ha devastato le ginocchia degli snowboarder mentre colpivano la curva:

Ogni transizione era essenzialmente un’energia d’impatto che si comprimeva nelle ginocchia del cavaliere come una molla caricata. Nel momento in cui un pilota avrebbe raggiunto la cima della transizione, avrebbe avuto un momento molto difficile contenere quell’energia. Molti pensionanti avrebbero primavera le ginocchia fuori da un angolo di 85 gradi, poi ricadere sul pavimento di neve nel mezzo del halfpipe.

“È così che ho strappato il mio ACL”, ci dice Bower. “Abbiamo tutti soffiato le nostre ginocchia su quelle cose, perché era stridente e veloce, e direi più pericoloso.

Pubblicità

L’halfpipe olimpico si è espanso in ogni dimensione da Nagano, ma le pareti sono quasi raddoppiate in altezza, mentre la larghezza è aumentata solo del 35 per cento. Ciò significa che più della larghezza deve essere data alle sezioni inclinate delle pareti, e gli impatti delle “transizioni” del ginocchio sono essenzialmente scomparsi: una volta che hai finito di scendere da una parete, stai già salendo delicatamente sull’altra.

Naturalmente, questa altezza extra (e la distanza extra della pista) dà anche ai piloti molta più velocità per provare trucchi più folli. Questa è la maledizione degli sport estremi, che sono progettati per premiare coloro che spingono i limiti già ridicoli dei loro eventi, per capovolgere tre volte quando tutti gli altri girano due volte. Per i concorrenti di superpipe, il pericolo di lesioni gravi—come le lacrime ACL—può essere inferiore rispetto a prima. Il rischio di lesioni catastrofiche—come il collo rotto di Luke Mintrani—potrebbe essere più alto che mai.

Pubblicità

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.