Recentemente c’è stato uno scisma su Internet tra le persone sul colore di un vestito. Ciò ha portato a tutti i tipi di articoli scientifici su come percepiamo il colore in modo diverso, memi su cose bianche e dorate e cose nere e blu, e infine, alla fine, questo.

 Schermata 2015-03-02 alle 4.13.41 PM

Questo è da un articolo su LinkedIn, scritto da una donna di nome Diana Derval, che afferma di essere un’esperta di neuromarketing, qualunque cazzo sia. Il titolo dell’articolo assomiglia a questo:

Niente dice legittime conoscenze scientifiche come una faccia ammiccante con la lingua fuori.
Nulla dice una conoscenza scientifica legittima come una faccia ammiccante con la lingua fuori.

Questo è già quasi al cento per cento errato, ma per spiegare perché, ho bisogno di darti una piccola lezione di anatomia.

La visione inizia negli occhi. Ci sono tre serie di cellule nell’occhio chiamate “coni” e un set chiamato “aste.”Le aste hanno solo un tipo di pigmento sensibile alla luce, il che significa che possono solo dire quanta luce sta arrivando, non di che colore è. Sono molto più sensibili delle cellule a cono e sono quasi interamente responsabili della visione a bassa luminosità, ma hanno poco o nessun ruolo nella visione dei colori.

La maggior parte delle persone ha tre coni, chiamati L, M e S per la luce a lunghezza d’onda lunga, media e corta che rilevano. Dopo che i pigmenti raccolgono la luce, vengono inviati al cervello lungo tre canali, uno per ogni colore. L corrisponde al rosso, M al verde e S al blu.

Circa un uomo su sedici è quello che viene chiamato daltonico rosso-verde, che è un termine leggermente fuorviante. Il termine corretto è tricromazia anomala, il che significa che hanno due insiemi pienamente funzionanti di cellule a cono invece di tre. Il set S (blu) va bene, ma o la M (verde) ha la sensibilità spostata verso la porzione rossa dello spettro, o la L (rossa) si è spostata verso il verde. È importante sottolineare che, però, il cervello non sa che questo è accaduto. Questa è una condizione genetica che colpisce gli occhi, ma non la porzione di colore-sensing del cervello. Il cervello presuppone che ogni cono sta inviando il colore corretto e costruisce le immagini di conseguenza.

Io, per esempio, sono deuteranomalous. Ho un set perfettamente funzionale di coni S e un set perfettamente funzionale di coni L, ma i miei coni M sono spostati verso la fine L dello spettro. Ciò significa, teoricamente, che sono meno sensibile alla luce verde di una persona con una visione normale, ma non posso dirlo. Per quanto riguarda il mio cervello, i segnali stanno arrivando bene.

Ecco un esempio. Immagina un quadrato grigio, composto da parti uguali di luce blu, rossa e verde. Poi si alza la luce rossa e blu, rendendo il quadrato grigio una sorta di colore magenta opaco. Per te, quella piazza ora è magenta. I miei stupidi coni M deformati, tuttavia, rilevano il rosso quando non dovrebbero essere, quindi rilevano anche l’aumento della luce rossa. Riportano al cervello che i livelli verdi sono aumentati, quando non l’hanno fatto. Il mio cervello sta ora ricevendo segnali che tutti e tre i canali di luce sono aumentati di magnitudine e il quadrato è ora una tonalità di grigio più luminosa. Non lo e’. E ‘ rosa. Ma non posso dirlo. Vuoi vederlo in azione?

Screen Shot 2015-03-02 alle 5.04.32 PM

Questa è una grafica per testare il mio particolare sapore di daltonismo. Il mio collega mi assicura che il cielo all’interno del cerchio è rosa, ma non posso dirlo perché le mie cellule M stupide pensano che l’aumento di rosso e blu sia un aumento di tutti e tre i colori, che annulla. Posso dire che non è esattamente lo stesso dell’altro cielo, ma è più una trama che un colore. Mi dice che l’erba nel cerchio è più gialla (perché la luce rossa è stata aggiunta al verde esistente), ma non posso dirlo per lo stesso motivo. Il succo è che se qualcosa è verde puro, mi sembra più pallido. Se aggiungi il rosso a qualcosa, non posso dirlo. Blu scuro e viola sono un incubo. I semafori sembrano molto pallidi, quasi blu. I verdi opachi sembrano marroni perché non riesco a vedere la parte verde. E così via.

Questo mi riporta alla tetracromazia, ovvero alla presenza di quattro serie di cellule a cono. Un ricercatore olandese negli anni ‘ 40 notò che le madri e le figlie di uomini deuteranomali come me avevano tutte una normale visione dei colori. Sapeva che i geni responsabili delle cellule del cono provenivano dai cromosomi sessuali, il che ha lasciato due possibili spiegazioni. Se le cellule M mutate provenissero esclusivamente dal padre, tutti i padri e i figli di uomini deuteranomali avrebbero la stessa condizione, che non era il caso. Se venissero in parti uguali dalla madre, allora la deuteranomalia sarebbe presente allo stesso modo nelle donne, il che non era il caso. Ha concluso, quindi, che le madri e le figlie di uomini deuteranomali devono avere una quarta serie di cellule, dando loro tre funzionali e un mutante. Ha ipotizzato che le donne con quattro gruppi funzionali di cellule potrebbero esistere, ma non era il punto della sua ricerca, quindi non ha esaminato in esso.

Questo è stato un lungo muro di testo. Ecco un gatto che è amico di un cavallo.

Avanti veloce fino al 1980, quando due ricercatori si incuriosirono dall’idea delle donne a quattro coni. Sapevano che la tricromia anomala era comune, il che significava che anche le donne a quattro coni dovevano essere comuni. Hanno cercato le madri e le figlie di uomini daltonici e li aveva prendere un test di corrispondenza dei colori. In tale test, il soggetto mescola livelli di luce rossa e verde per abbinare la luce gialla fornita. Gli uomini daltonici dovranno aggiungere più di rosso o verde per compensare i loro coni difettosi, e le persone con una visione normale saranno in grado di abbinare correttamente i colori. Le persone con quattro coni, teoricamente, sarebbero in grado di capire la differenza tra la vera luce gialla e la luce fatta mescolando rosso e verde, e quindi non sarebbero in grado di fare una corrispondenza. Non era così. I ricercatori hanno trovato un sacco di donne con quattro serie di coni, ma nessuno di loro aveva una visione dei colori più sensibile rispetto alla media tricromat.

Nel 2007, uno dei ricercatori ha provato una tecnica diversa. Balenò tre cerchi colorati davanti agli occhi dei suoi soggetti. Un tricromat sarebbe stato in grado di distinguerli, ma un tetrachromat avrebbe dovuto essere in grado di riconoscere che uno dei cerchi era in realtà un mix molto sottile di rosso e verde, piuttosto che un colore giallo solido. Solo una donna è stata in grado di superare il test. Il che mi porta al mio punto (1100 parole più tardi):

Se due ricercatori che hanno dedicato la loro carriera al compito sono stati solo in grado di trovare un tetrachromat funzionale in 27 anni, pensi davvero che un test su LinkedIn scritto da un professore di marketing sta per aiutare?

Ovviamente, la risposta è no. Ma ci sono altre stronzate qui. In primo luogo, il titolo.

25% di persone sono tetracromati

Bugie. È qualcosa come il 12% delle donne, che è il 6% delle persone — ed è probabilmente più comune nelle donne di origine nordeuropea, quindi il numero è ancora più basso in tutto il mondo — ed è così raro che le donne con quattro cellule possano effettivamente usarle che non possiamo nemmeno metterci un numero. Solo due donne nella storia sono mai state confermate empiricamente come tetracromati funzionali.

e vedere i colori così come sono

Questa è una cosa assurda da dire. I coni di tutti vedono in modo leggermente diverso già a causa della variazione genetica, quindi teoricamente la stessa lunghezza d’onda della luce sembra infinitesimale diversa da ogni singola persona. L’unica ragione per cui il daltonismo è una cosa è che le persone daltoniche non possono distinguere tra determinati colori, non che li stiano vedendo sbagliati. Certo, puoi dire empiricamente che una certa lampadina a LED emette luce a una lunghezza d’onda di 581 nm, ma che aspetto ha? Nessuno può davvero dirlo con certezza. Non esiste una cosa come i colori ” come sono.”

Si vede meno di 20 sfumature di colore: sei un dicromato, come i cani, il che significa che hai solo 2 tipi di coni. Si rischia di indossare nero, beige e blu. il 25% della popolazione è dichromat.

Stronzate. Dicromacy colpisce meno del 3% dei maschi e .03% delle donne. Questo è circa l ‘ 1,5% della popolazione generale.

Vedi tra 33 e 39 colori: sei un tetracromat, come le api

Nessuna parte di ciò è vera. In primo luogo, non è possibile diagnosticare la tetracromazia sullo schermo di un computer a tutti perché gli schermi di computer sono costituiti da combinazioni di soli tre diversi colori di luce. Non è letteralmente possibile che uno schermo di computer a LED generi il tipo di sfumatura che distingue i tetracromati dai tricromati. In secondo luogo, le api vedono nell’ultravioletto, il che significa che la loro visione dei colori extra è in una lunghezza d’onda che nessun essere umano (o persino mammifero)* ha mai visto. Essere un tetracromat nello spettro visibile non significa che puoi vedere ciò che vedono le api. E in terzo LUOGO, LE API NON SONO TETRACROMATI. Le api sono tricromati, con coni in quello che potremmo chiamare il verde-giallo, blu, e porzioni UV dello spettro. Hanno ancora solo tre coni.

È altamente probabile che le persone che hanno un 4 ° cono aggiuntivo non vengano ingannate da abiti blu/nero o bianco/oro, indipendentemente dalla luce di sfondo

Muoiono in un fuoco multicolore. Lasciatemi dire ancora una volta: quel vestito è una foto sullo schermo di un computer, presa su una macchina fotografica digitale. Lo schermo del computer è solo in grado di generare tre lunghezze d’onda della luce, e tutti gli altri sono proiettati come miscele di questi tre. Il sensore nella fotocamera registra solo tre lunghezze d’onda della luce (perché è quello che vedi in), e tutti gli altri sono una miscela di questi tre. QUALSIASI COLORE AL MONDO CHE NON SIA UNA SPECIFICA LUNGHEZZA D’ONDA DI ROSSO, VERDE O BLU è calzato in una combinazione di questi tre dai tuoi occhi, dal tuo cervello, dalla tua fotocamera e dallo schermo.

Questa grafica è come testare la percezione della profondità con un occhio chiuso***. È fondamentalmente impossibile. È stupido, offensivo e, peggio di tutto, è popolare. Smettila immediatamente.

***
**
***

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.