I paesi sviluppati, tra cui Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda e UE, hanno attaccato l’India sul sostegno che offre ai suoi agricoltori. Hanno cercato di ridurre il diritto de minimis dell’India ai sensi dell’accordo sull’agricoltura dell’OMC (AoA).

Perché questi paesi sviluppati sono irritati dal sostegno che il governo indiano offre ai suoi agricoltori? Non sostengono i loro? Le query richiedono un certo numero di scricchiolio.

Un’analisi dei numeri ha mostrato che il diritto alla scatola di ambra per agricoltore per l’India è una piccola frazione di quella delle nazioni sviluppate. (Nella terminologia dell’OMC, le sovvenzioni sono identificate da “caselle”: verde per “consentito”, ambra per “rallentare; deve essere ridotto” e rosso per “vietato”.) Ad esempio, mentre un agricoltore americano ottiene un sostegno di $7,253 all’anno e un agricoltore UE ottiene $1,068, un agricoltore indiano ottiene solo $49.

Dato che i sussidi agricoli dell’India sono un’ancora di salvezza per i suoi agricoltori marginali e garantiscono la sicurezza alimentare per i suoi milioni, la richiesta dei paesi sviluppati di un taglio sembra piuttosto ingiusta.

Gli agricoltori indiani ottengono molto poco

Il Centro per gli studi dell’OMC (CWS, parte dell’Indian Institute of Foreign Trade), ha recentemente pubblicato un documento di lavoro sulla necessità di condizioni di parità per i paesi in via di sviluppo nelle misure di sostegno al commercio.

Indica che il numero di persone impegnate nell’agricoltura è significativamente più alto nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo. Allo stesso modo, la quota dell’agricoltura nel loro PIL è molto più alta. Inoltre, la maggior parte degli agricoltori nei paesi in via di sviluppo è a basso reddito o povera di risorse. Il documento sostiene quindi che è comprensibile il motivo per cui i paesi in via di sviluppo devono fornire sostegno ai loro agricoltori.

I numeri rivelano che esiste un ampio divario tra il sostegno agricolo offerto dalle economie sviluppate e in via di sviluppo e la richiesta delle prime di un taglio dei sussidi in India è solo risibile.

Il supporto per-farmer Amber box negli Stati Uniti è 7 7,253 (basato sull’ultima notifica disponibile — 2016), Canada: 7 7,414 (2016), Australia: $222 (2017-18) e l’UE: EU 1,068 (2016). Al contrario, l’India è a $49 (2018-19), mentre il Bangladesh è a 8 8 e l’Indonesia a $7 (2018).

Sostegno interno totale

Anche il sostegno interno totale offerto dai paesi sviluppati e in via di sviluppo evidenzia in modo netto l’iniquità.

Gli ultimi annunci dei rispettivi paesi, come catturato dal documento di lavoro CWS, rivelano che il sostegno interno totale per-agricoltore (verde, blu, ambra e scatole di sviluppo messi insieme) negli Stati Uniti è $61,286 (2016), Canada: boxes 13,010, e l’UE: $8,588. Tuttavia, per gli agricoltori indiani, in 2018-19, ha funzionato a soli $282.

AMS detiene la chiave

Il motivo per cui i paesi sviluppati sono in grado di offrire un sostegno più elevato è che le regole dell’OMC danno loro lo spazio per farlo.

Paesi come Stati Uniti, Canada, Europa e Giappone hanno il diritto alla misurazione aggregata del supporto (AMS), che consente loro di fornire supporto oltre il limite de minimis nell’ambito dell’AoA. A livello globale, anche se alcuni membri in via di sviluppo hanno anche il diritto, la loro quota del diritto AMS globale è solo 4.23 per cento rispetto al 95.77 per cento per i membri sviluppati.

Quindi, come è nata questa discriminazione?

Quando è stato negoziato l’Uruguay Round, ai membri dell’OMC che hanno fornito un sostegno distorsivo degli scambi al di sopra del livello de minimis durante il periodo di base (1986-1988) è stato concesso un diritto AMS più elevato. D’altro canto, per i membri che non hanno fornito un sostegno Amber box superiore al limite de minimis (soprattutto per i paesi in via di sviluppo) lo spazio politico è stato limitato a tale limite.

Grazie a tali misure, i paesi in via di sviluppo, tra cui l’India, si trovano ad affrontare gravi vincoli politici nel sostenere i loro agricoltori. Ad aprile, l’India ha invocato la clausola di pace dell’OMC per il superamento del tetto del 10 per cento sotto la scatola ambra sul sostegno offerto ai suoi allevatori di risaie in 2018-19. Si spera che, nei negoziati in corso all’OMC, l’ingiustizia negli scambi tra i paesi in via di sviluppo e quelli sviluppati finirà.

Pubblicato il16 giugno 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.